Panni sporchi per Martinengo: Un nuovo caso per l’investigatore privato delle Langhe

Ciao,

ieri sera ho letto l’ultimo libro dell’investigatore privato Martinengo. Fabrizio Borgio l’ho scoperto l’anno scorso durante la prima quarantena. Durante quel periodo lessi i racconti fuori serie: si sono una persona che voluta un autore da scoprire dai suoi racconti e se poi gli piacciono prova con i romanzi. Poi quest’estate ho letto, sempre di Fabrizio Borgio, Il Settimino. Dei libri riguardanti invece Martinengo non avevo preso ancora preso niente. Non saprei il motivo preciso. A inizio Marzo ho approfittato della promozione riguardante “Panni sporchi per Martinengo”, e ho deciso di prenderlo.

Non ho velleità di recensore, conosco i miei limiti, ma posso dire che è stato uno dei migliori acquisti librai, passatemi il termine anche se questo volume l’ho preso in ebook, di questo inizio 2021. Ecco i punti che mi hanno fatto apprezzare questo romanzo:

  • L’ambientazione: le langhe hanno un ruolo importante. Io le conosco poco per quello che conosco mi piace molto e le descrizioni mi fanno rivedere i posti;
  • Il buon Giorgio Martinengo mi piace come personaggio, ma ammetto che su alcuni aspetti del carattere siamo simili e quindi sono entrato in empatia quasi immediatamente;
  • Ho apprezzato il romanzo anche non avendo letto gli altri: a naso sono sicuro che aver letto anche gli altri volumi avrei apprezzato meglio alcuni passaggi. Non averli letti non ha inficiato la lettura: un punto a favore.

Per chiudere inserisco un po’ di Link sull’autore:

Luca

Prima dello steampunk: il clockpunk

Plutonia Publications

Leonardo Da Vinci tank

Nel secondo ebook della mia saga Venatores ho inserito alcuni elementi che, in fase di presentazione, ho descritto essere di natura clockpunk.
Gli esperti sanno di cosa si tratta, ma immagino che molti si siano chiesti il significato di questo curioso termine. Col post di oggi intendo dunque dare una breve descrizione del genere clockpunk.
Esso è un sottofilone del ben più noto steampunk (così come altre branche minori: il dieselpunk, l’atompunk, il teslapunk etc etc).
Se lo steampunk ha come basi l’età vittoriana, la rivoluzione industriale e l’anacronismo di avveniristiche macchine al vapore, il clockpunk copre un’epoca che va – all’incirca – dal 1500 al 1700. Possiamo quindi dire che è il “-punk” del Rinascimento (ma non solo, evidentemente).
La tecnologia fantastica alla base di questo filone prevede macchinari mossi sfruttando l’energia del sole, del vento e di altre fonti naturali. Oltre, chiaramente, ai meccanismi che muovono gli orologi.

View original post 570 altre parole

Librerie del Mondo: “Book Worm”, Beijing China

Travel With The Wolf

La Cina nonostante la censura e nonostante una libertà d’informazione che lascia a desiderare (per usare un eufemismo) , offre specialmente a Shanghai e Pechino un pò di librerie di ottimo livello con migliaia di  volumi e decisamente al passo con i tempi.

Questo luogo oltre ad essere uno dei pionieri di ciò che sono le librerie “All in one”è quasi un luogo di culto . All’interno della libreria  si può gustare il pranzo mentre si legge , si può fare  due chiacchere con un amico mentre si consulta un testo , si può cenare mentre si sceglie un libro, insomma questo posto è il massimo per gli appassionati della lettura. Oltre 15000 titoli a disposizione , un vero e proprio paradiso per i lettori che un luogo molto frequentato da studenti e turisti , molto bello anche la struttura che ospita questo luogo incantato che sembra lontano anni luce dalla caotica capitale…

View original post 5 altre parole

La dignità dello scrittore: un decalogo

Plutonia Publications

Non troppo tempo fa ho scritto e pubblicato un articolo molto simile: La dignità del blogger. Visto che è sempre attuale, vi consiglio di dargli una ripassata.
Fatto? Ok, procediamo.
Questo secondo decalogo nasce dall’ennesimo articolo folle e denigratorio di cui la categoria degli scrittori non sembra poter fare a meno. Questa volta i bersagli sono gli scrittori indipendenti (autopubblicati), perculati malamente da una tizia che gestisce un blog e che, guarda un po’, lavora per una casa editrice. No, non vi pubblico il link perché non merita gloria né pubblicità.
Resta il fatto che, da quando ho iniziato a scrivere e a pubblicare romanzi e racconti, ho trovato decine di articoli più o meno feroci e saccenti, da cui se ne ricava una sola, assurda regola: lo scrittore è sempre e comunque una figura che merita più critiche che elogi, più sberleffi che non rispetto.
Il che, ovviamente…

View original post 653 altre parole

“Padova che nessuno conosce” di Silvia Gorgi (Newton Compton)

libroguerriero

Risultato immagini per “Padova che nessuno conosce” di Silvia Gorgi (Newton Compton)

Recensione di Raffaella Tamba

“Tra le pieghe della storia” è il sottotitolo del quinto libro di Silvia Gorgi (giornalista, speaker radiofonica ed organizzatrice di eventi culturali) dedicato a Padova per la collana Quest’Italia, della Newton. Un sottotitolo molto eloquente che suggerisce l’immagine di eventi e personaggi rimasti nascosti sotto il peso di altri eventi e personaggi più noti. Silvia, distendendo quelle pieghe, li ha riportati alla luce, con la sua quinta avventura nell’universo della storia e dell’arte della sua città, riuscendo a stupirci e affascinarci.

Come in un dramma shakespeariano, diviso in due atti, di ambientazione, uno letteraria, l’altro scientifica, agiscono sulla scena personaggi storici, protagonisti di storie vere.

Si parte così dal Duecento di Rolandino da Padova: “un’omonimia di grande interesse” con il bolognese Rolandino Passeggeri, come ha osservato l’autrice stessa, “stesso nome, stessa professione, e stessa preparazione, anche il Rolandino da Padova, notaio, si era…

View original post 631 altre parole

Il Ranch di Alessandro Girola

Ciao,

questo venerdì ho recuperato da Amazon Il Ranch nuvolette di Alessandro Girola. Ebook stand alone del buon Alessandro pubblicato nel “lontano” 2015. Devo ammettere che è stato un acquisto d’impulso: nella presentazione proposta da Amazon si parlava del cannibale di Sesto San Giovanni. Io sono di Sesto San Giovanni e non potevo esimermi di togliermi lo sfizio di prendere un ebook in cui si cita la mia città per neanche un euro. Come mi aspettavo sono caduto in piedi: Alessandro è uno degli autori indie che preferisco, sa creare il pathos e delineare bene i protagonisti del racconto. Sicuramente dovete andare a visitare il suo blog. La produzione del buon Alessandro è notevole: sicuramente troverete qualcosa che vi possa trascorrere qualche ora di sano intrattenimento.

Luca

Recensione di “Accabadora” di Michela Murgia

Serial Escape di Giovanni Di Rosa

Buongiorno amici e ben ritrovati sulla mia pagina.

Oggi recensisco un libro il cui acquisto mi è stato consigliato da una mia amica. Sto parlando di “Accabadora” di Michela Murgia.

TRAMA:

61FRtrMqY8L

Maria è la fill’e anima di Bonaria Urrai. I figli dell’anima non sono altro che figli adottati, al di fuori delle leggi, secondo una pratica diffusa in Sardegna che vedeva le famiglie troppo numerose disfarsi di quei figli che rappresentavano una spesa eccessiva per l’economia della famiglia.

Bonaria svolge un mestiere assolutamente peculiare. È, infatti, l’accabadora di Soreni, ovverosia colei che pratica l’eutanasia dei moribondi e degli agonizzanti che hanno deciso di abbandonare la vita.

Nonostante a Maria non manchi niente nella nuova sistemazione a casa di Bonaria, venire a conoscenza della verità dietro alla morte di un ragazzo del paese e della reale occupazione della madre adottiva la porterà a decidere di lasciare la Sardegna. Partirà…

View original post 455 altre parole

Librai Liberi: Bookish la libreria romana nata dalla passione di Giorgia Sallusti — Liberementi

Un punto di riferimento, un luogo di ritrovo, un posto dove cultura, e spesso amicizia, si mescolano dando vita a storie e legami importanti. Una libreria indipendente non è solo un negozio dove vengono venduti dei libri: è molto di più. Grazie all’energia e alla passione di chi quotidianamente è in prima fila per essere […]

Librai Liberi: Bookish la libreria romana nata dalla passione di Giorgia Sallusti — Liberementi