Shanmei

Ciao,

ho scoperto una nuova autrice indie. Scrive nuvolette di ambientazione molto diversa da cui tendo in questi ultimi anni. L’ambientazione è la Cina. Però devo ammettere che la scrittura di Shanmei mi piace molto. Sarà in quest’ultimo anno sto molto apprezzando gli autori piemontesi. Se vi va fate un giro sulla sua pagina autore Amazon (qui il link).

Luca

Esperimento di lettura doppia

Ciao,

torno a scrivere un post di mio pugno e non un repost di articoli che ho trovato interessante. Devo dire che mi è capitato spesso di leggere due libri in parallelo. Capitava spesso nella normalità prepandemia: spesso avevo un’ora di mezzi pubblici nel tragitto casa lavoro, quindi due ore al giorno spesi nei mezzi pubblici, ne approfittavo per leggere un libro la mattina e uno la sera. Per comodità personale era un libro di saggistica e uno di narrativa. Il volume di saggistica la mattina durante il viaggio di andata e il volume di narrativa la sera durante il viaggio di ritorno.

Questa settimana invece, oltre non avere queste due ore da investire in qualcosa di utile, ho deciso di leggere un paio di volumi di saggistica. Entrambi parlano di economia. Il primo è un classico: La ricchezza delle nazioni di Adam Smith, nel mio amato kindle. Il secondo è invece Cosa è il denaro di Gary North, in questo caso in versione cartacea, edito da Usemlab. Farò un mischione dei due argomenti, spero di no.

Oltre a motivi di studio scolastico, vi è mai capitato di leggere due o più libri di saggistica in parallelo? Fatemi sapere la vostra esperienza se vi fa piacere!

Luca

Mughini: “Nessuno che non sia esperto si azzarda a cucinare una pizza, ma troppi si improvvisano scrittori”

Liberementi

Nessuno che non sia esperto si azzarda a cucinare una pizza, ma troppi si improvvisano scrittori.

È questo il riassunto del pensiero tagliente di Giampiero Mughini, apparso nella giornata di ieri, domenica 28 novembre 2021, sulle pagine dell’Huffington Post.

Tutto nasce da un dato: ogni anno in Italia vengono pubblicati più di 75 mila libri.
Per capire a pieno la grandezza di questo numero potrebbe tornarci utile immaginare tutti i cittadini, dai 0 ai 99 anni, di Asti o Caserta (rispettivamente la 63esima e la 64esima provincia più popolosa d’Italia) che nello stesso anno arrivano in libreria con un testo firmato da loro.

Ma com’è possibile che ogni anno in Italia venga pubblicato un così alto numero di titoli?

La risposta di Mughini si concentra su un altro dato, statisticamente accertato, che vede il 70% degli italiani incapace di intendere l’editoriale di prima pagina di un…

View original post 306 altre parole

:: Un’intervista con Fabrizio Borgio a cura di Giulietta Iannone

Liberi di scrivere

Benvenuto Fabrizio su Liberi di scrivere e grazie di avere accettato questa nuova intervista. Già hai partecipato sul nostro blog a una puntata di Interviste imperfette, con domande anche dei lettori. Questa si può dire è la prima nostra intervista diretta, grazie a Barbara che me l’ha proposta. Parleremo più che altro di Panni sporchi per Martinengo: Un nuovo caso per l’investigatore privato delle Langhe che pubblichi con Fratelli Frilli, che sta avendo un ottimo successo, come molti titoli Frilli sempre tra i primi posti delle classifiche noir e crime. Dunque continua la serie Martinengo, come ti trovi nella serialità, ti è congeniale ritornare sempre sullo stesso personaggio?

È a suo modo confortante come indossare una vecchia giacca alla quale ci si è affezionati in maniera particolare, la serialità permette di sviluppare un personaggio a tutto tondo, indagarne le pieghe intime e osservarne i lati inediti. L’approfondimento di un personaggio…

View original post 1.191 altre parole

:: Mi manca il Novecento – La voce dimenticata di Raffaele Carrieri – a cura di Nicola Vacca

Liberi di scrivere

Accanto al Novecento che se n’è andato c’è un Novecento perduto che nei suoi abissi si è inghiottito i suoi figli migliori.
In questo Novecento perduto è finito anche Raffaele Carrieri, poeta, scrittore, critico d’arte nato a Taranto nel 1905, ma cittadino del mondo.
Intellettuale raffinatissimo, uomo straordinario della Magna Grecia, difficile da incasellare, ma un poeta davvero straordinario a cui tornare.
Ma di lui si sono perse le tracce, caduto ingiustamente in un oblio che non meritava.
Andrebbero ripubblicati i suoi libri di poesia, non è possibile che uno dei più importanti poeti di quella straordinaria linea meridionale giaccia per sempre nelle tenebre.
Ma questo è il destino di molti nomi di quel Novecento perduto che non perdona.
Lamento del gabelliere, La ricchezza del niente, Canzoniere amoroso, Il trovatore, con cui vinse il Premio Viareggio nel 1953, sono alcuni dei suoi libri di cui la…

View original post 539 altre parole

La morte mormora – Fabrizio Borgio

Ciao,

in questo periodo sono nella fase piemontese: sia come scoperta della regione sia come scoperta degli autori che vivono e descrivono la loro regione. Per questo volevo segnalare “La morte mormora” di Fabrizio Borgio.

Dell’autore mi piace lo stile di scrittura. Nel libro, e serie relativa, mi piace molto la creazione del DIP e del protagonista Stefano Drago.

Luca